Un pensiero per l’Avvento

candele avvento

Allora Pietro parlò loro così: “Sappia con certezza tutta la casa d’Israele che Dio ha costituito Signore e Cristo quel Gesù che voi avete crocifisso”.

All’udire queste cose si sentirono trafiggere il cuore (Atti 2,36-37)

Dio ha una parola per ciascuno di noi. La caratteristica della parola di Dio è che risuona magari in un’assemblea di migliaia di persone e ciascuno la sente rivolta a sé, come è successo a pentecoste quando Pietro parlava nella sua lingua e ciascuno capiva nella propria.

Ogni volta che ci accostiamo ai testi evangelici, dovremmo leggerli con molta calma per farli risuonare nel cuore, perché la parola di Dio entri in noi e ci suggerisca quello che lui vuole dirci. Il vangelo è un “libro vivo”: se lo leggiamo nella fede, incontriamo l’adorabile persona di Gesù. Gesù parla alle folle e ora parla a me; guarisce un ammalato, e ora guarisce me: il vangelo è un incontro personale con il Signore. Non è soltanto leggere cosa ha fatto Gesù duemila anni fa, ma è un incontro “attuale” con la sua persona che vuol parlarmi, che vuol guarirmi, che vuol perdonarmi.

È molto importante che noi accostiamo la parola di Dio scritta: qui incontriamo il Signore.

(M. Cè, dalla Introduzione agli esercizi spirituali diocesani, Cavallino 12 dicembre 2003)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...