Un pensiero per l’Avvento

candele avvento

Allora Maria disse all’angelo: “Come avverrà questo?” (Lc 1,34).

“Io non conosco uomo”, non sono ancora pienamente sposata.

E l’angelo risponde al “come”: “Lo Spirito santo scenderà su di te”.

All’inizio della creazione lo Spirito di Dio aleggiava sulle acque. Qui avviene una nuova creazione. Lo Spirito di Dio scende su Maria per realizzare un nuovo inizio della storia.

“E su di te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo”: il verbo greco richiama la nube che si posava sulla tenda degli ebrei dove c’era l’Arca, a significare che Dio era presente e Mosè poteva parlare con lui (cf Es 33, 9-11). Luca usa lo stesso verbo perché ora si realizza quello che lì era solo una profezia: “Colui che nascerà da te sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio“. L’allusione all’Antico Testamento contiene questa grande verità: tu diventerai la nuova tenda in cui Dio si rende presente.

Maria non chiede un segno, ma è l’angelo che glielo dà: “Vedi, anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”. Lo stesso Dio, che ha reso possibile ad Elisabetta la generazione di un figlio in età avanzata, agirà anche in te.

(M. Cè, da una Meditazione agli esercizi spirituali diocesani, Cavallino 27 settembre 2007)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...